Gaio Cazzeggio

Giovedì mare.
Venerdì meritato riposo.
Sabato megafesta.
Domenica meritato riposo.
Giorni duri.
Che poi si ricomincia a studiare.Al mare andai in pedalò.
Per sguazzare un ora nell’acqua alta.

Sì c’è anche il mio nuovo trash-telo.
E onde.
Che fatica, non ho più il fisico.
Tornato con un colorito nuovo.
E un bruciorino sulle spalle.

La megafesta invece era il Gay Pride 2008.

Bologna Pride.
Bellissimo corteo infinito.
Colori e musica.
Roba da far perdere la testa.
E via in mezzo a ballar!
Musica musica musica!
Come dare ad un bambino un intero chiosco di dolciumi.
E dirgli “Fai pure tutto quel che ti va!”.
Grande.
Speculazioni politico-sociali a parte è stata una gran bella festa.
Sull’utilità-inutilità poi me ne curo ben poco.
Mi ingozzo felice e, sazio, spero che la prossima sia vicina!

Annunci

Del mio amore e di Charlie*

Capito ufficialmente una cosa.
Odio i blog dove le ragazze parlano solo “del mio amore”.
“il mio amore ha detto”
“il mio amore ha fatto”
“il mio amore non c’è”
“il mio amore è tornato”
“il mio amore era meglio se non tornava”
“però è pur sempre il mio amore”
“un bacio al mio amore”
“un cuoricino scaricato da google per il mio amore”
“poi in disco non ci vado col mio amore”
“ci vado con le mie amiche che chiamo i miei amori”
“tanto anche se conosco tutti non tradisco mai il mio amore”
“lingua in bocca alla mia amica non vuol dire amore”
“poi il mio amore non si arrabbia mai”
“poi che addominali il mio amore”

Potrei andare avanti per ore.
Ma finirei per vomitare.
Quindi appena leggo il nomignolo chiudo.
Passo.

Aggià.
La foto.
Non posso infamare altre blog-tipologie senza piazzare una foto sul mio.
Che squinternato fotoblog sarebbe questo se no!?
Beh, ecco qua.

E’ una scritta sul muro di un locale di Bolo.
Non potevo lasciarmela sfuggire.
Fa pensare a quanto possa essere fico vivere sotto ecstasy.
MDMA.
Meta.
XTC.
Come volete.
Fa pensare anche a quanto possa essere penoso ecco.
Cia-ciao.
Chiudo.

Prendila con fisiologia…

Fisiologia Due.
Un esame scritto di tre ore.
Aria condizionata assente.
Il tempo troppo poco per le infinite domande.
Sudore nervoso + sudore d’afa + sudore da fretta.
Condizioni di estremo stress.
Alta produzione di glicocorticoidi.
Aumentano la glicemia.
Aumentano la pressione.
Stimolano il sistema nervoso centrale.
Immunosoppressione.

Finisce il compito.
Il relax è quasi una necessità corporale.
Accompagnato da acqua ghiacciata, grazie.
Risultato a lunedì prossimo.
Lo appendo in bacheca quando mi và ragazzi.
Fatevi 30 km tutti i giorni per sapere se siete passati!

Poi sono andato a Casalecchio.
Dove lavoro.
A svolgere commissione urgente.
Che bel paesuolo.

Mi son fatto un giretto (e un gelatino).
Sul fiume.
Fortunati.
Prendono il sole e fanno il bagnetto.
Quando ne hanno voglia.
Camminano a piedi.
Sembra festa.
Forse vedo tutto rosa dopo quell’esame.
Però ci sono anche gli anatroccoli.

Non si vedono ma ci sono…
Giuro.
Non sono ancora diventato matto…
Spero.

Raggiungendo il limite

Giorni di studio.
Casa casa e ancora casa.
Ma ieri seratina al Nonno.
Uno di quei posti sui colli.
Con vista sulle luci bolognesi.
S’è mangiato buone crescentine e buone tigelle.
Con vino rosso.
Forse troppo vino rosso.
Anche le mie scarpe ne assaggiarono.

Che poi c’è bisogno di uscire quando s’è chiusi qui.
Full immersion di reclusione-libri.
L’altro giorno m’ha preso lo schizzo.
E ho studiato al parco Talon.
Improduttivo ma molto relaxing.

Ops.
Facendo i giochini con Splinder ho raggiunto il limite di banda mensile.
In pratica mi sono giocato i 20 Mb di spazio a disposizione.
Pagare per questo blog mi sembra eccessivo.
Quindi foto al mese prossimo!

[COME NON DETTO, ho scavalcato il limite.]

Ciao a tutti bellezzi.

Ok, ci siamo.

Questo template sta girando.
Spero che vi piaccia.
Mille tentativi per fare ogni cosa.
Divertito mi son divertito.
Non sono ancora pienamente soddisfatto però.
Che fighetto.

Grazie Eka.

 

AGGIORNAMENTO: Con il trasferimento a WordPress ho perso il template di cui sopra…era una meraviglia, lascio una foto:

Quality Improvements

Ieri era il mio compleanno. 

Non mi hai fatto gli auguri?
Pazienza.
Ti odio. Chiunque tu sia. 

Ora passiamo oltre.
Dicevo: era il mio compleanno.
Ed è spuntata una torta inaspettata.
A mezzanotte e zerouno.
Le candeline fanno la mia età.

Molto carino!
Molto cioccolatosa!
Grazie a mamma. 

Ieri sera poi mi son sbizzarrito con la macchinetta digitale.
Ci sto prendendo la mano.
In giro in centro con amicici.
Metterò qualcosina su Flickr.
Invece qua ci piazzo la mia postazione.

Sei foto montate tra di loro.


Mo soppa che bravo che sono…

Commmunicazione di servisssio

Tira aria nuova caro blog.
Per un motivo o per un altro ora sono più tecnologico che mai.
Ho la mente orientata verso un nuovo template.
E il corpo prolungato da arti bionici.
La mia mano biomeccanica destra è un nuovo cellulare fantascientifico.
Quella sinistra invece ha incastonata una macchina fotografica megagigantissima.

Preparatevi…