Sangue

Un misto denso.
Nei buoni e nei cattivi.
Grumi onnipresenti di pericolo e mistero.
Colorato di guerra, zanne e politica.
Scorre tra di noi.
Scivola lento d’attrito nascosto nei vicoli capillari.
Scroscia in cascate urlanti nei deserti.
Sibila ogni tanto. Quando qualcuno lo calpesta.

Il sangue è morboso, infimo e si nasconde.
Ha la faccia tosta della pubblicità.
E’ piccolo come un telefonino.
E’ ipocrita come il Natale.
E’ invisibile. Senza testimoni.
E’ acido, amaro e bollente.

Sgocciola, gronda e trasuda in ogni realtà.
Ovunque.
In ognuno e in ogni cosa.
Non si scappa.

Annunci